• ago

    06

    2018
  • 1232

[FOTO-VIDEO] Mascelle e Mascelli al campo di gruppo

Un posto incantato in mezzo alla natura protetta del Parco Nazionale della Sila.

La foresta di sequoie di Lardone, Comune di Aprigliano (Cs), la più importante del sud Italia, ha ospitato il campo di gruppo dell’Rc 3 - San Marco per chiudere degnamente i festeggiamenti per i 50 anni di attività.

All’evento ha partecipato per due notti anche la nostra comunità.

Molti dei suoi membri sono stati parte integrante e costitutiva del gruppo della Candelora.
Per questo motivo ci è stato chiesto dai capi Agesci di poter portare una testimonianza di quella storia.

Da questa richiesta è nata una mostra fotografica in cui sono confluiti ricordi ed emozioni di uscite, campi e attività che hanno segnato il lungo cammino di almeno 3 generazioni di scout sotto lo sguardo benevolo di monsignor Giuseppe Pensabene, l’ispiratore dello scoutismo in parrocchia a cui la nostra Comunità si è affettuosamente voluta legare prendendone il nome in segno di riconoscenza.

9kAAAEKDgAAAEltYWdlX1VUQ19EYXRhMTUzMzM3NDMzNTE3M1NFRkhpAAAAAQAAAAAAAQojAAAAIwAAABgAAABTRUZU

E’ stato bello vedere come sia i ragazzi che i loro genitori si soffermassero a guardare non soltanto i visi di chi c’era ma anche come si vivevano le attività allora: dalla totemizzazione alle costruzioni sopraelevate, dal modo di portare l’uniforme al semplice stare insieme. Anche la mostra ha avuto quindi un valore educativo finalizzato a far riflettere gli scout di oggi sul loro modo di interpretare una storia.

9kAAAEKDgAAAEltYWdlX1VUQ19EYXRhMTUzMzMxNDgxNzIwNVNFRkhpAAAAAQAAAAAAAQojAAAAIwAAABgAAABTRUZU

Ma veniamo a noi. All’uscita non abbiamo portato soltanto una mostra fotografica visitata con curiosità da scout e genitori, abbiamo portato direttamente Celeste. Lui insieme a Caterina, Sabrina e Nicola sono stati i testimonial del passato prossimo (e remoto…) del gruppo, manifestando la profonda verità e la bellezza di un cammino vissuto con convinzione e leggerezza che continua a produrre frutti.

Un altro testimone storico del gruppo, Filippo Arillotta, ha ricordato i grandi uomini che hanno indossato il fazzolettone del Gruppo San Marco, come Nicola Calipari.

 

Sotto le torreggianti sequoie silenziose si sono inoltre riannodati fili importanti che temevamo si fossero tagliati e che invece abbiamo riscoperto con gioia più stretti che mai.

Z

Occasione è stato il fuoco di bivacco di sabato 4 agosto in cui i membri della comunità sono stati i mattatori della serata con una performance teatrale di altissimo contenuto artistico: la mitica scenetta del regista con applauditissimo protagonista esterno Fabio Amodeo.

9kAAAEKDgAAAEltYWdlX1VUQ19EYXRhMTUzMzQwMTY0ODEyMFNFRkhpAAAAAQAAAAAAAQojAAAAIwAAABgAAABTRUZU

Il ban dell’austriaco felice animato da Sabrina è stata la ciliegina sulla torta mentre l’esibizione finale a torso nudo dei “Mascella Dream Men” Nicola e Giorgio ha dato una frustata di emozione forte ai tanti presenti. 

La permanenza al parco ha consentito di rafforzare non poco il senso di comunità attraverso piccoli gesti: una macchinetta del caffe “presa in prestito” alla Coca dormiente, una torta speciale con effetto abrasivo, un materassino delle winx che si è smaterializzato in piena notte, la cesta di fichi bianchi e neri di Celeste.

Ma spazio è stato lasciato anche alla preghiera, al confronto, al servizio più vero come lo smontaggio del campo sotto la pioggia o la raccolta di rifiuti (quanti ne produciamo!!!!!!!!!). 

La traccia di riflessione sul tempo realizzata dal Magister è stata una guida importante su cui ci siamo confrontati partendo da punti di vista diversi. Come impieghiamo il nostro tempo? Come lo “santifichiamo”? Domande semplici da cui è scaturito il desiderio di rivedere il nostro stare insieme con un’impronta maggiormente spirituale ricordandoci che la “C” di Masci indica il termine “Cattolici”.

9k=

Da ultimo vogliamo ricordare la promessa emozionante di Melissa. Anche questo atto ufficiale che sancisce la piena adesione ai valori dello scoutismo alimenta quel flusso di impegno nato nel lontano 1908 in un’isola dell’estuario del Tamigi e che proseguirà camminando con i piedi di ciascuno di noi.

9k=

Buona strada a chi non si ferma nonostante tutto.

Di Giorgio Gatto Costantino

Ultimi articoli
Categorie
Archivi
Tag